VENDEMMIA 2012

L’annata 2012 è stata caratterizzata da un’estate molto calda e secca. Ancora una volta ci siamo trovati di fronte alla prova che nulla è possibile senza l ‘”aiuto” di Madre Natura.

L’anno è iniziato con un deficit idrico rispetto all’anno precedente. A gennaio e febbraio finalmente ha fatto freddo e le precipitazioni desiderate sono arrivate sotto forma di neve. Nel Chianti Classico le colline sono state innevate per 2 settimane e anche in Maremma la magia bianca è durata pochi giorni.

La primavera è stata molto mite e abbastanza piovosa. Ma né la neve né le estese piogge primaverili hanno potuto riempire completamente le riserve d’acqua. Da giugno le giornate sono state esclusivamente belle e senza pioggia. Ciò ha comportato un rallentamento del processo di maturazione delle uve nella prima metà di agosto.

Il fatto che attualmente non abbiamo vigneti giovani, che i nostri terreni siano tutti abbastanza profondi e che abbiamo un sistema di irrigazione per molti vigneti della Maremma ci ha indubbiamente aiutato in questa questa estate estrema. Questo ha permesso alle nostre vigne di sfruttare al meglio la tanto attesa pioggia di fine agosto.

Il clima autunnale di settembre e ottobre è stato quindi ideale: belle giornate calde e soleggiate e notti fresche.

Come di consueto, abbiamo raccolto i vitigni a bacca bianca e il Merlot in Maremma a fine agosto. Dal 10 settembre è proseguito con il Merlot in Chianti Classico. Il 5 ottobre avevamo tutte le nostre uve in cantina, le uve erano sane e perfettamente mature. A causa della vendemmia, la maggior parte delle varietà aveva una buccia relativamente spessa, il che spiega l’altissima densità di polifenoli nei mosti, nonché la resa inferiore di circa il 15%.

La conclusione: nel complesso una grande vendemmia che promette grandi vini.

Cookie Consent with Real Cookie Banner