Cronologia 2000-2009

 

Nel 2000 Brancaia ha prodotto per la prima volta il TRE. Come assemblaggio di uve provenienti da diverse zone di coltivazione toscane, è una novità assoluta e un’altra coraggiosa rottura nella tradizione. Nello stesso anno i vigneti maremmani consentono la prima piccola vendemmia. La cantina di Radda apre le porte ai visitatori e l’installazione di uno scaldacqua solare rende Brancaia ancora più ecologica.

Nel 2002 Brancaia ha lanciato sul mercato il suo vino di punta della Maremma. Porta il nome Ilatraia e, nonostante la difficile annata vinicola, riceve subito grandi riconoscimenti. Simon Woods di “Wine International” dà 95 punti su 100, il “Wine Spectator” 92. “Vecchi documenti dicono che la collina sulla proprietà in Maremma è stata chiamata Ilatraia almeno dal 1823. Presumibilmente a quel tempo era coperto di alberi ilatro. È così che è uscito il nome Ilatraia. Oggi il nostro miglior Petit Verdot cresce lì ”, spiega Barbara Widmer. Il 2002 è anche un anno importante per Brancaia dal punto di vista commerciale. La cantina esporta per la prima volta in Giappone e Thailandia, il che le consente di prendere piede in Asia.

Nel 2004 c’erano già 40 ettari di vigneto in Maremma. Brancaia è anche soddisfatta delle sue prime esportazioni in Brasile.

Nel 2006 Brancaia si è classificata al 9 ° posto nella top 100 del “Wine Spectator” con IL BLU 2004.

Nel 2007 l’India si è aggiunta all’elenco dei paesi in cui Brancaia esporta i suoi vini.

Brancaia consegna in Messico per la prima volta nel 2008. Ciò significa che i vini di Radda, Castellina e Maremma sono già disponibili in circa 40 paesi nel mondo. C’è una cooperazione a lungo termine con la maggior parte dei partner.

Nel 2001 Brancaia ha ampliato la sua gamma di prodotti e ha prodotto per la prima volta la grappa insieme alla famosa Distilleria Berta del Piemonte. Una delle dieci botti di liquore morbido e ambrato può invecchiare per altri nove anni dalla Grappa annata alla Grappa 10.

Nel 2003 la nuova cantina in Maremma è finalmente pronta per l’uso – e c’è una bellissima sorpresa nell’edizione cartacea di “Wine Spectator”. A Barbara Widmer è dedicata anche la storia di copertina “I nuovi volti d’Italia”. È l’unica enologa senza passaporto italiano a entrare nella cerchia esclusiva dei dieci prescelti. Progressi anche sul fronte dell’export: si aggiungono Israele e Canada come nuove destinazioni per Brancaia.

Nel 2009 l’annata 2007 TRE è arrivata al 10 ° posto nella illustre Top 100 della “Wine Spectator”. Con Il Bianco Brancaia produce il suo primo vino bianco. “I vini bianchi di solito giocano un ruolo minore in Toscana. Siamo tanto più orgogliosi del nostro Il Bianco, che ci sembra ancora migliore ad ogni annata e si è sviluppato molto bene nel tempo ”, spiega Barbara Widmer.

Cookie Consent with Real Cookie Banner